sabato 29 maggio 2010

Rifondazione presente allo sciopero ferrovieri: "Una lotta che unisce tutti"


La Spezia. Questa mattina una delegazione della federazione spezzina di Rifondazione Comunista, tra i quali il vicesindaco della Spezia Maurizio Graziano, ha partecipato al corteo dei ferrovieri spezzini che oggi hanno scioperato: "Una protesta - spiega la nota di via Lunigiana - a tutela del loro lavoro e delle loro condizioni, ma anche nell'interesse di tutti.
I ferrovieri spezzini hanno scioperato per lo smantellamento del polo logistico Cargo, che colpisce non solo i lavoratori che vi operano, ma anche l'intera comunità locale. Infatti si sta facendo esattamente il contrario di ciò che andrebbe fatto: nel momento in cui é sempre più evidente la necessità di potenziare il trasporto delle merci su rotaia per assicurare servizi efficiente alle attività portuali, si decide di demolire un impianto apprezzato per qualità ed efficienza". Continua Rifondazione: "I ferrovieri scioperano per il peggioramento della qualità del trasporto passeggeri che, in particolare per quanto riguarda la dimensione regionale, é un dato di fatto. Occorrerebbero scelte precise per migliorare la pulizia dei convogli e le manutenzioni e per mantenere e rafforzare la funzione di servizio per gli utenti delle stazioni considerate secondarie. Anche in questo caso, invece, si vuol fare l'esatto contrario: riduzione del personale, esternalizzazione delle manutenzioni, logica del massimo risparmio sulla pelle di lavoratori ed utenti".
"Infine - si conclude così la presa di posizione da parte della Rifondazione Comunista della Spezia - l'Azienda deve dare risposte concrete riguardo alla sicurezza sul lavoro: tutto ciò é ancora più urgente dopo la tragedia del 24 febbraio scorso alla stazione centrale, dove è rimasto ucciso un lavoratore del Tronco. I risultati delle politiche che Trenitalia e Rfi perseguono da anni sono sotto gli occhi di tutti. E non si parli di risorse che non ci sono: sono stati buttati via miliardi divorati da un'Alta velocità che é diventata un' "Alta voracità" e che finirà per avvantaggiare i soliti noti che faranno viaggiare treni privati superlussuosi (e a tariffa altissima) utilizzando proprio le nuove linee pagate con i soldi di tutti.
La lotta dei ferrovieri spezzini vuole difendere e migliorare il servizio pubblico. Per questo é nell'interesse di tutti e merita di essere sosten


Seguite le notizie de Il Comunista Quotidiano via feedfeed rss comunista quoridianoSubscribe in a reader Oppure Seguiteci su Facebook

Nessun commento:

Posta un commento

Ultime Notizie

Ultime News

Notizie di Politica

Roba Comunista