mercoledì 14 aprile 2010

Immigrati, Lega: impiegati in pronto soccorso Friuli per denunciare clandestini


Roma - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - "Se i medici non possono segnalare - spiega Danilo Narduzzi, capogruppo della Lega Nord in Consiglio regionale, all'ADNKRONOS SALUTE - non vedo perche' i clandestini debbano continuare a raggirare leggi di Stato, spadroneggiando sul territorio"

Personale amministrativo nei Pronto soccorso per segnalare alle autorita' competenti gli immigrati clandestini che vanno a farsi curare. E' quanto chiedera', con un'apposita mozione, il gruppo della Lega Nord del Friuli Venezia Giulia alla Giunta regionale. Una richiesta che ricorda l'emendamento del Carroccio, finito al centro delle polemiche prima di essere abrogato, per l'abolizione del principio di non segnalazione alle autorita' per gli immigrati irregolari che si rivolgono al Servizio sanitario nazionale.

"Se i medici non possono segnalare - spiega Danilo Narduzzi, capogruppo della Lega Nord in Consiglio regionale, all'ADNKRONOS SALUTE - non vedo perche' i clandestini debbano continuare a raggirare leggi di Stato, spadroneggiando sul territorio".

Narduzzi, gia' noto alle cronache nazionali per aver proposto la regionalizzazione delle graduatorie degli insegnanti, precisa che, stando almeno alla mozione leghista, "gli immigrati irregolari continueranno ad essere curati negli ospedali della nostra Regione, ma - puntualizza - il personale amministrativo a cui non verranno consegnati documenti d'identita' e tessera sanitaria, dopo aver inviato il paziente dal medico, provvedera' a segnalare la 'mancanza' alle autorita' competenti".



 Seguite le notizie de Il Comunista Quotidiano via feedfeed rss comunista quoridianoSubscribe in a reader

Nessun commento:

Posta un commento

Ultime Notizie

Ultime News

Notizie di Politica

Roba Comunista