mercoledì 9 dicembre 2009

Denuncia del PCL MOLISE alla Procura della Repubblica di TORINO



Diamo eco alla richiesta dei compagni del PCL alla Procura della Repubblica di Torino, rispetto alle inchieste sulle relazioni Mafia -  Stato.
La lettera scritta dal cordinatore territoriale del PCL del Molise in versione integrale:
      
                             Alla Procura della Repubblica di Torino

Quale forza politica del Molise e dunque del Mezzogiorno siamo particolarmente interessati all’inchiesta in corso sui rapporti tra il potente capitalista Berlusconi e la mafia e più in generale tra mafia e politica, anche perché la nostra regione (in particolare la provincia di Isernia) subisce sia un abnorme dominio elettorale delle lobby che fanno capo proprio al partito di Berlusconi sia gli effetti nefasti ed antisociali delle politiche antimerdionali e razziste della lega.

Vogliamo perciò sottoporvi una questione che ci pare davvero eclatante.

L’on.le Umberto Bossi nel 1998 iniziò una campagna dal titolo (testuale) “il mafioso di Arcore”, dichiarando testualmente: ”A me personalmente Berlusconi ha detto che i soldi gli erano venuti dalla Banca Rasini, la banca di Cosa Nostra a Milano”.

Ebbene, questa dichiarazione pubblica, per quanto ci risulta, è documentata e mai smentita .

Vieppiu’: il quotidiano “La Padania” dell’8 luglio ’98 rivolse ben 11 documentate domande pubbliche a Berlusconi circa i suoi rapporti col capitale mafioso.
A questo punto è evidente che Umberto Bossi o mentì allora o mente oggi (magari in cambio delle poltrone e delle promesse): ma di certo non capiamo perché la magistratura non lo chiama come testimone dei rapporti tra mafia e politica. Invero “non capiamo” neanche perché tale clamorosa testimonianza del capo della Lega sulle confidenze fattegli da Berlusconi e le 11 domande del “la Padania” siano state rimosse dalla stessa memoria delle sedicenti “opposizioni” oltre che, ovviamente dai media di regime.

Pertanto, alla luce di quanto sopra esposto, chiediamo alla Procura in indirizzo di attivarsi per quanto di competenza, affinché:

1)- vengano acquisite le dichiarazioni pubbliche rese dal Bossi e su citate;

2)- venga chiamato a testimoniare l’on. Umberto Bossi su quanto sopra.

08-12-2009 IL COORDINATORE REGIONALE

Nessun commento:

Posta un commento

Ultime Notizie

Ultime News

Notizie di Politica

Roba Comunista